Problemi del sonno? Stanchezza? Affaticamento? Fragilità di unghie e di capelli? Sbalzi d’umore? Potresti avere una di carenza di magnesio. Questi, infatti, sono soltanto alcuni dei sintomi che il nostro corpo manifesta quando l’apporto di magnesio non è sufficiente nella nostra alimentazione. 

Si tratta di una condizione sempre più diffusa poiché, uno dei peggiori nemici delle riserve di questo prezioso minerale, è senza dubbio lo stress. Ansia, umore instabile, insonnia, irritabilità, crampi e spasmi muscolari sono dunque campanelli di allarme che il nostro organismo attiva in mancanza di alcune sostanze, come il magnesio appunto. Cosa fare allora? Se – come diceva Ippocrate – il corpo umano è un tempio e come tale va curato e rispettato, è opportuno rilassarsi e correre ai ripari cominciando dalle basi, ovvero dalla nostra cucina. 

Alimenti ricchi di magnesio. Ecco cosa mettere in tavola

  • “Cavolo, cavolfiore, broccolo, verza… questi vegetali dovrebbero essere centrali nelle abitudini di una cucina salutare e andrebbero mangiati tutti i giorni”, parola di Umberto Veronesi. Infatti, le verdure a foglia verde sono ricche di magnesio, ma prestate attenzione alla cottura: deve essere rapida e delicata, se desiderate mantenere intatte le proprietà nutrizionali; 
  • cioccolato fondente e cacao: considerato dai Maya “il cibo degli dei”, il cioccolato è  un vero e proprio antidepressivo naturale nonché tra gli alimenti a più alto contenuto di magnesio. Un quadratino al giorno (magari a colazione) e il vostro umore vi ringrazierà; 
  • lenticchie e fagioli: protagonisti di zuppe e insalate, i legumi sono alimenti molto apprezzati in quanto ricchi di fibre, poveri di grasso e… ricchi di magnesio! È consigliabile consumarli almeno tre volte alla settimana e come disse Jean Carper: “mangiate legumi, soprattutto fagioli. Non esistono in natura rimedi anticolesterolo così economici, diffusi, rapidi e sicuri”;
  • mandorle e anacardi: la frutta secca – ricca di sali minerali, fibre, vitamine, proteine –  regala velocemente energia al nostro organismo ma non bisogna esagerare: deve essere consumata con moderazione e lontana dai pasti principali. La quantità consigliata è di circa 20 grammi al giorno. Nella famiglia della frutta secca, a primeggiare, sono senza dubbio le mandorle: grazie all’alto contenuto di magnesio, possono aiutare a ristabilire l’equilibrio organico in caso di stress; 
  • cereali integrali: tra gli integratori alimentari di magnesio, troviamo i cereali integrali come il riso integrale, la crusca e le farine non raffinate;
  • pere, arance, mele, prugne e soprattutto banane. Le banane infatti sono ricche di magnesio e sono considerate un integratore naturale di sali minerali. 

In conclusione, per far fronte alla carenza di magnesio, è necessario introdurre alcuni alimenti nella nostra dieta, evitare cibi raffinati e provare a condurre uno stile di vita sano ed equilibrato. Un consumo eccessivo di alcol, ad esempio, causa l’abbassamento dei livelli di minerali – e dunque anche di magnesio – contenuti nel nostro corpo. Oltre ad essere presente in natura e in ciò che mangiamo, esistono in commercio degli integratori a base di magnesio utili anche per regolare gli sbalzi di umore della sindrome premestruale e le vampate di calore durante la menopausa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here