Lo sciroppo d’agave è un prodotto naturale che può essere spesso adoperato come sostitutivo dello zucchero da chi lo ritiene opportuno, da chi preferisce trovare un’alternativa meno calorica a un prodotto più diffuso e conosciuto. Si tratta di un dolcificante che, negli ultimi anni, ha preso sempre più piede sulla tavola di chi, soprattutto, segue un regime alimentare controllato. Ma lo sciroppo d’agave fa bene o fa male alla salute? Ecco la risposta.

Le caratteristiche dello sciroppo d’agave

Lo sciroppo d’agave si ottiene dalla raffinazione del nettare dell’omonima pianta, che viene sottoposto ad un elaborato processo di lavorazione per l’estrazione del succo. Questo viene prima filtrato, poi riscaldato quindi concentrato per essere addensato. Ciò che ne risulta è un composto leggermente meno denso del miele, che può avere diverse gradazioni di colore chiare o scure.

Caratteristiche dello sciroppo d’agave sono l’avere principalmente un alto contenuto di zuccheri e pochi e non concentrati sali minerali e vitamine. Lo sciroppo d’agave è principalmente ricco di fruttosio, elemento che non incide sui livelli di glucosio nel sangue. Presenti anche i folati, essenziali per la crescita e la differenziazione cellulare. 

Lo Sciroppo d’agave fa bene alla salute?

Lo sciroppo d’agave dolcifica il 25 % in più del saccarosio. Ciò consente di usare poco sciroppo d’agave per un’assunzione di minori calorie quindi, se si segue una dieta, può essere interessante utilizzare questo sciroppo al posto dello zucchero, che conferisce maggiore dolcezza a ciò che mangiamo con un minimo apporto calorico.

Lo sciroppo d’agave, grazie alla vitamina C in esso contenuta, aiuta le difese immunitarie  contro gli agenti influenzali e migliora la risposta dell’organismo all’attacco di virus e batteri tipico della stagione autunnale.

Lo sciroppo d’agave ha poi un indice glicemico minore rispetto allo zucchero per cui, come abbiamo precedentemente accennato, non incide sui livelli di glucosio nel sangue. Detto tutto ciò, si potrebbe dire che lo sciroppo d’agave fa bene alla salute. Ma è proprio così o c’è qualcosa a cui bisogna prestare attenzione?

Lo Sciroppo d’agave fa male alla salute?

Lo sciroppo d’agave non andrebbe usato in eccesso. Questo discorso vale sia per persone non sofferenti di problematiche nutrizionali sia e, soprattutto, per soggetti diabetici. Questi ultimi, in particolare, devono fare molta attenzione all’alimentazione. 

Nonostante il basso indice glicemico, l’elevato contenuto di fruttosio dello sciroppo d’agave potrebbe portare ad un sovraccarico epatico del fegato. La conseguenza è lo sviluppo di malattie epatiche con livelli sopraelevati di trigliceridi e acido urico.

Per cui possiamo dire che lo sciroppo d’agave ha certamente in sé proprietà benefiche per la salute ma è bene non abusarne mantenendo un consumo sporadico, in modo da evitare l’insorgenza di problemi al fegato.