Cristoforo Aghilar, il femminicida di Filomena Bruna, uccisa lo scorso Ottobre, a Orta Nova, è evaso dal carcere a Foggia, mentre vi era la rivolta per l’emergenza del Coronavirus, insieme ad altri 50 detenuti il 9 Marzo. Prima di essere uccisa la donna era stata minacciata con una pistola, insieme a tutta la famiglia. Filomena lo aveva denunciato alle forze dell’ordine, ma nessuno aveva preso un provvedimento. Uccisa a 36 anni, a coltellate. Dopo qualche giorno, la figlia, 20enne, ha tentato di suicidarsi, lanciandosi dal balcone, ma è stata salvata in tempo.

L’avvocato della famiglia, Michele Sodrio, ha riferito che i parenti della vittima sono stati immediatamente trasferiti in una località segreta e sicura fuori dalla regione Puglia. I carcerati fuggiti, in parte sopra stati ritrovati dalla Polizia ed arrestati, alcuni si sono costituiti direttamente, lui insieme ad altri 3 è ancora ricercato.