Quanto olio usare per stare bene? Risponde la medicina

L’olio di oliva è un condimento naturale prezioso, che apporta infinite proprietà benefiche per l’organismo. Ma come bisogna comportarsi per quanto riguarda le dosi? Quanto olio usare per stare bene? A questa domanda risponde la medicina.

Le proprietà dell’olio di oliva

L‘olio di oliva è ricco di fitosteroli, sostanze che riducono i livelli di colesterolo nel sangue, diminuiscono la pressione arteriosa, migliorano la circolazione sanguigna, proteggono il cuore e prevengono pericolose patologie cardiache come ictus e infarto.

L’olio di oliva ha un ottimo contenuto di vitamine E e di polifenoli, sostanze che svolgono un’azione antiossidante rallentando l’invecchiamento cutaneo e quello cellulare, fermando e contrastando la dannosa azione dei radicali liberi all’interno dell’organismo. L’olio di oliva contrasta la stitichezza, ha proprietà emollienti per la pelle, protegge le ossa dalle fratture, dalla decalcificazione, dall’insorgenza di patologie degenerative dello scheletro come l’osteoporosi.

Nelle nostre case l’olio di oliva è molto usato. E’ infatti un re della tavola in cucina. Ma Quanto olio usare per stare bene? Risponde la medicina e ci spiega quali siano le dosi giuste per il bene della nostra alimentazione quotidiana.

Quanto olio usare per stare bene

Quanto olio usare per stare bene? Risponde la medicina dicendo che, per stare bene, la quantità di olio d’oliva da usare sulle nostre tavole deve essere al massimo di 3 o 4 cucchiai al giorno, per un totale di circa 40 grammi di prodotto. Questo quantitativo ci permetterà di beneficiare degli effetti positivi dell’olio di oliva sull’organismo, il tutto all’interno di una dieta alimentare equilibrata e completa e di uno stile di vita sano ed esente da eccessi.

Meglio orientare la propria scelta poi nei confronti dell’olio extravergine di oliva, il condimento più salutare che ci sia, benefico per il cuore e per contrastare l’insorgenza di patologie tumorali.

L’olio di oliva e l’intestino

L’olio di oliva è un ottimo rimedio naturale adatto a stimolare l’intestino pigro perché aiuta la lubrificazione delle feci facilitandone l’espulsione. In proposito possiamo suggerirvi alcuni metodi propizi a contrastare la pigrizia intestinale e l’insorgenza di problematiche fastidiose come la stitichezza grazie al potere dell’olio di oliva combinato con altri ingredienti.

Potete ad esempio mescolare in un bicchiere un cucchiaio di olio di oliva insieme a un cucchiaino di succo di limone e bere il preparato la sera prima di coricarvi per dormire. L’indomani il transito intestinale sarà assicurato.

Se il vostro problema è la pancia gonfia, potete mettere un cucchiaio di olio di oliva nello yogurt: questo vi permetterà di sgonfiare la pancia e favorire l’eliminazione dei gas.

Contro la stitichezza potete preparare un piatto con una banana schiacciata e versarvi sopra dell’olio di oliva: questo favorirà il movimento naturale dell’intestino prevenendo la formazione di gas.

Un ultimo rimedio utile a favorire il transito intestinale è quello di mischiare un cucchiaio di olio extravergine di oliva nella tazzina di caffè che siete soliti bere la mattina. Dovete sapere che la caffeina stimola i muscoli del colon, aumenta la peristalsi intestinale e ammorbidisce le feci dure.