Il lardo è un alimento interessante per le nostre preparazioni culinarie e può dare origine ad accostamenti davvero pregiati e inusuali sulla tavola. Ma che il lardo non faccia prendere peso è da chiarire poiché è spesso tacciato della colpa di essere un alimento particolarmente grasso. Il lardo di maiale non fa ingrassare, verità o falso mito? Ecco la risposta che non ti aspetti.

Il lardo di maiale

Il lardo di maiale è un prodotto italiano a marchio IGP. Viene ottenuto tramite la salagione, l’aromatizzazione con spezie come la cannella, la noce moscata, l’aglio, il pepe, il rosmarino e la stagionatura dello strato di grasso presente sotto la cute del collo, del dorso e dei fianchi del suino. La stagionatura avviene in conca di marmo per un periodo variabile da 6 mesi a 3 anni. Ogni 2 settimane il processo viene controllato. Il contatto tra il marmo e il sale dà origine a una salamoia che cuoce il lardo aromatizzandolo.

Il lardo di maiale è dunque un alimento pregiato e dal gusto notevole, che subisce un processo di lavorazione attento e tradizionale. Purtroppo però, dal punto di vista nutrizionale, il lardo è vittima di sospetto perché si crede che, essendo ricco di grassi, possa fare male alla salute oltre che incidere sull’aumento del peso corporeo. C’è pero anche chi sostiene che questo cibo faccia invece dimagrire. Il lardo di maiale non fa ingrassare, verità o falso mito?

Il lardo di maiale non fa ingrassare?

Il lardo di maiale non fa ingrassare, verità o falso mito? La risposta che non ti aspetti è che è vero, il lardo di maiale non fa ingrassare come si sarebbe portati a credere. I grassi del lardo di maiale favoriscono la perdita del peso corporeo perché il loro giusto apporto  aiuta l’organismo a sfruttarli nella maniera corretta e a bruciarli, provocando così l’aumento del metabolismo.

Eliminare completamente i grassi dalla propria dieta non aiuta dunque a perdere peso per cui non è necessario privarsi della possibilità di fare un’esperienza di gusto con il lardo di maiale. Certamente il consumo del lardo di maiale non deve essere smodato ma moderato, per così appropriarsi al meglio di tutti i benefici forniti dall’alimento.

Come mangiare il lardo di maiale

Come mangiare il lardo di maiale per degustarlo al meglio? Innanzitutto partiamo dall’acquisto: un lardo di qualità è prima di tutto un prodotto artigianale di Colonnata o Arnad per cui è preferibile orientare il proprio acquisto nei confronti di un prodotto di questo tipo.

In cucina il lardo di maiale può essere degustato su fette di pane abbrustolito oppure consumato in qualità di affettato come antipasto prima del pranzo. Il lardo può essere posto su fettine di polenta calda o usato per i soffritti. Il lardo di maiale si sposa con il miele, nel riso, negli spaghetti.

Come conservare il lardo se lo avanziamo? Un pezzo di lardo di maiale intero si può conservare in frigorifero per al massimo un mese, coperto sulla parte tagliata da una pellicola trasparente. Le fette di lardo invece, possono essere conservate in frigo per un solo giorno.