Ieri per il terzo giorno consecutivo sono stati ancora in discesa il numero di nuovi contagiati da coronavirus in Italia: 3.612 mentre lunedì erano 3.780 e domenica 3.957.

Un calo che potrebbe essere riconfermato anche nella giornata odierna. Dopo due giorni è tornato ad aumentare invece il numero delle persone decedute per covid-19: 743. Nella giornata di lunedì i morti erano invece stati 601.

Nel complesso al momento in Italia ci sono 54.030 persone decedute. I guariti da inizio emergenza sono 8.326. E’ arrivata anche la notizia che il coronavirus non risparmia neanche i militari in missione. Sono infatti risultati positivi 4 commilitoni di stazza a Herat, in Afghanistan. I 4, 3 militari dell’esercito e 1 dell’Aeronautica stanno bene e sono in quarantena preventiva.

E’ in vigore anche il nuovo decreto legge approvato ieri nel consiglio dei ministri. E’ stata inasprita la sanzione per chi viola le norme anti-coronavirus. Per loro ci sarà una multa che va da 400 a 3.000 euro. Arresto da 1 fino a 5 anni invece per chi risultato positivo al coronavirus si trova in quarantena e viene trovato fuori casa.

Aggiornato anche il rapporto con le regioni che potranno adottare provvedimenti più restrittivi in modo autonomo.

Inserito nel decreto anche la possibilità di proroga delle restrizioni fino al 31 luglio. Ieri si è accesa una polemica su questo punto ma ci ha pensato il premier Conte a chiarire che non si tratta di un estensione delle restrizioni, ma è stato un modo per uniformare lo stato di emergenza alla data fornita dall’organizzazione mondiale della sanità. Per questo non significa che le restrizioni verranno prorogate fino a quella data ma anzi, Conte ha auspicato molto presto di poter allentare la morsa.

Coronavirus: la conferenza stampa della protezione civile del 25 marzo: