Il latte di soia viene spesso utilizzato da chi soffre di intolleranza al lattosio in sostituzione del latte vaccino. Ma se ci accorgiamo di essere in possesso di una confezione di latte andato oltre la scadenza dobbiamo preoccuparci? Il latte di soia scaduto si può bere? A questo quesito risponde la medicina.

Il latte di soia

Il latte di soia è una bevanda di origine vegetale usata come alternativa al latte vaccino da chi soffre di intolleranza alla sostanza del lattosio. Il latte di soia è ricco di aminoacidi essenziali, povero di grassi e di calorie, senza colesterolo ma con benefici isoflavoni in grado di abbassare i livelli di colesterolo LDL nel sangue.

Il latte di soia ha un basso indice glicemico, stimola la diuresi, favorisce l’eliminazione delle tossine dal corpo. Il latte di soia contiene proteine, vitamine A, E, B, fibre e sali minerali. Il latte di soia equilibra la flora batterica intestinale, migliora la gastrite e il reflusso gastroesofageo, aiuta le ossa a sconfiggere l’osteoporosi.

Il latte di soia ha quindi diversi pregi per l’organismo. A volte però, la vita frenetica ci conduce ad avere troppe distrazioni. Può capitare ad esempio di andare a fare la spesa al supermercato, comprare il latte di soia, portare a casa la nostra confezione e dimenticare dove l’abbiamo messa. Quando per caso ritroveremo il nostro latte la sua scadenza sarà passata da un po’ di tempo. Che fare in questi casi? Il latte di soia scaduto si può bere o bisogna immediatamente disfarsene? Risponde la medicina fornendoci delucidazioni in merito.

Il latte di soia scaduto si può bere?

Il latte di soia scaduto si può bere? Risponde la medicina sconsigliando di compiere questa azione. Così come altri prodotti caseari, il latte di soia ha già di per sé una breve vita in frigorifero quando viene aperto. Quando apriamo un cartone di latte di soia infatti, dopo averlo riposto in frigo dobbiamo consumarlo entro 5 giorni.

Quando acquistiamo un cartone di latte di soia che passa oltre la sua data di scadenza, il prodotto inizierà a gonfiare a causa dell’emissione di gas da parte della muffa e dei batteri del latte. Potremo inoltre notare un cambiamento nel colore del latte, la presenza di grumi, un odore diverso. Bere latte di soia scaduto è assolutamente sconsigliabile, può causare sintomi da avvelenamento alimentare come forti crampi addominali, diarrea, nausea e vomito.

Altre controindicazioni del latte di soia

Non è dunque consigliabile bere latte di soia scaduto. Ma il latte di soia ha anche altre controindicazioni? Il latte di soia contiene ossalati per cui è controindicato per chi soffre di calcoli renali. Non deve bere latte di soia chi assume farmaci per la tiroide per evitare interferenze con l’assorbimento delle medicine. Il latte di soia può infine provocare problemi digestivi, dolori allo stomaco, flatulenza e diarrea.