I datteri fanno ingrassare: verità o falso mito?

I datteri sono frutta secca genuina alleata della digestione e dell’intestino. Ma è vero che incidono sull’aumento del peso corporeo? Quella che i datteri fanno ingrassare è una verità o un falso mito?

I datteri

I datteri sono frutti originari dell’Asia e dell’Africa. Dal punto di vista nutrizionale i datteri sono poveri di grassi e ricchi di carboidrati, di vitamine A e B, di fibre e di importanti sali minerali come il ferro, il calcio, lo zinco e il potassio.

I datteri migliorano la digestione, limitano i bruciori di stomaco, regolano la funzionalità dell’intestino, curano la diarrea evitando al contempo la comparsa di stitichezza e contrastando la costipazione intestinale. Ma è vero che i datteri incidono sull’aumento del peso corporeo? I datteri fanno ingrassare: verità o falso mito?

I datteri fanno ingrassare?

I datteri fanno ingrassare: verità o falso mito? Falso mito. I datteri nell’alimentazione possono prestarsi molto bene al consumo anche all’interno di un regime dietetico. La convinzione che i datteri facciano ingrassare è sbagliata. Certamente i datteri secchi sottoposti a essiccazione hanno un apporto calorico maggiore rispetto ai datteri freschi. Ciò è dovuto alla maggiore concentrazione di carboidrati al proprio interno. Hanno però pochi grassi.

In generale è sempre e comunque bene evitare di consumare datteri in abbondanza nella dieta. Prima di esagerare le dosi bisogna tenere conto del quantitativo di zuccheri contenuti nei datteri acquistati quindi consumarli con attenzione perché possono risultare calorici. Chi soprattutto soffre di diabete o ha valori glicemici alti, dovrebbero consultare il medico prima di introdurre i datteri nel proprio regime alimentare e quindi far potenzialmente incrementare gli zuccheri nel sangue. Con il consumo di datteri devono essere caute le persone che soffrono di intolleranza al nichel: i datteri contengono questa sostanza e possono provocare, in chi mal tollera il nichel, mal di pancia e irritazione al colon.

Dunque i datteri non fanno ingrassare ma bisogna stare attenti al loro consumo. Bisogna inoltre scegliere di mangiarli nei momenti più adeguati della giornata.

Quando mangiare i datteri

C’è un momento migliore della giornata per mangiare i datteri per non ingrassare? Sì ed è quello della colazione. Mangiare i datteri a colazione significa sopperire al bisogno energetico che l’organismo ci richiede per essere capace di affrontare una mattinata impegnativa di studio o di lavoro. Mangiando i datteri a colazione gli zuccheri verranno trasformati in energia immediatamente utilizzabile e non in grassi.

Bene anche lo spuntino di metà mattinata o metà pomeriggio mentre è da evitare mangiare i datteri la sera. I datteri gustati di sera possono risultare meno digeribili e meno utili all’organismo visto che ci si appresta ad andare dormire e il bisogno di apporto energetico è quindi superfluo.