La pasta frolla va in frigo? Ecco la risposta e cosa fare

E’ solito l’uso della pasta frolla in cucina per preparare deliziose crostate e biscotti. Ma la pasta frolla va in frigo? Ecco la risposta e cosa fare quando abbiamo preparato questo impasto.

La pasta frolla

La pasta frolla è un impasto di farina con uova, burro, sale e zucchero a cui possono essere aggiunti eventualmente il lievito e aromi come scorza di arancia o limone e vaniglia. L’impasto della pasta frolla viene lavorato per ottenere una palla dall’aspetto compatto da utilizzare per realizzare crostate o biscotti stendendo la pasta frolla su un piano infarinato con un mattarello o tagliandola con apposite formine per dolci.

Di pasta frolla ne esistono molti tipi e tra questi è molto particolare la pasta frolla montata, che viene usata solitamente per i prodotti cremosi di piccola pasticceria. Non comune è anche la frolla ovis mollis, da cui si ottengono biscotti e pasticcini da pasticceria fine. Ma la pasta frolla va in frigo?

La pasta frolla va in frigo?

La pasta frolla va in frigo? Ecco la risposta e come fare. Sì, la pasta frolla va in frigo e ci va messa prima di essere infornata. Perché bisogna fare questo? La pasta frolla deve essere necessariamente posta a riposo nel frigorifero per permettere al burro di solidificarsi e alla farina di perdere elasticità, causata dall’aggiunta di liquidi nell’impasto.

Come fare dunque? Innanzitutto dovete preparare la pasta frolla disponendo 250 grammi di farina bianca 00 a fontana su un ripiano quindi fare un buco al centro con le dita e mettervi 125 grammi di zucchero. Aggiungete quindi 2 uova, 125 grammi di burro tagliato a pezzetti, la scorza grattugiata di un limone e un cucchiaio di bicarbonato. Impastate velocemente, per così non fare calore, compattando l’impasto con entrambe le mani e formando una palla. Avvolgete con una pellicola per alimenti e metterete in frigo per mezz’ora. Trascorso il tempo togliete la pasta frolla dal frigo, stendetela con un mattarello su un piano di lavoro infarinato e procedete con le formine, se volete fare i biscotti. Successivamente potrete finalmente infornare.

Conservare la pasta frolla

Abbiamo capito che la pasta frolla va in frigo ed è un’operazione necessaria per la migliore riuscita delle nostre creazioni in cucina. Ma nel frigo possiamo anche conservare la pasta frolla? Sì, possiamo preparare in anticipo la pasta frolla e conservarla in frigo per un paio di giorni.

La pasta frolla si può anche congelare appena preparata quindi non cotta. La pasta frolla può essere congelata così com’è o posta in una tortiera rivestita con una pellicola trasparente quindi messa in un sacchetto per alimenti congelati. Così congelata la pasta frolla avrà una validità di 3 mesi per il suo consumo.