Il latte al gatto fa bene o fa male? Chiunque abbia un felino, piccolo o grande che sia, si è posto questa domanda almeno una volta. Un dubbio che deriva dal fatto che i gattini assumono latte artificiale o materno e ci si chiede quindi se anche da adulti potranno mantenere questa abitudine.

I veterinari rispondono sempre alla domanda dei proprietari sulla possibilità che il latte al gatto non faccia poi così tanto bene. I fattori da tenere in considerazione sono davvero tanti.

Si può dare il latte ai gatti? I veterinari dicono che…

Il latte al gatto fa bene solo quando è cucciolo. I gattini infatti hanno un apparato digerente in grado di digerire il lattosio e in teoria potrebbero bere latte caprino o vaccino. Come sottolineano i veterinari, le malattie causate da squilibri nutrizionali in questo caso sarebbero importanti. Per questo è sempre meglio dare loro latte senza lattosio, specifico per cuccioli.

Quando il gattino assume il latte della mamma, il suo corpo produce lattasi in grande quantità. L’enzima è capace di sostenere l’idrolisi e di permettere che il lattosio venga digerito. Con l’avvicinarsi dello svezzamento però, l’apparato digestivo dei gatti inizia a diminuire la produzione di lattasi. Per questo è frequente trovare micini alle prese con intolleranze al lattosio.

Latte di mucca ai gatti, si può?

I veterinari sono tutti d’accordo nel dire che il latte vaccino non vada somministrato nè ai cuccioli nè al gatto adulto. Il latte di mucca infatti ha una composizione diversa da quella del latte materno e non fornisce le sostanze nutritive adatte per la crescita del piccolo. Ecco perchè è meglio dare il latte senza lattosio al gattino, anche se ci sono delle accortezze da tenere in considerazione. Per esempio non va somministrato freddo di frigorifero: meglio lasciarlo a temperatura ambiente.

Se il gatto è adulto invece, il latte vaccino è da evitare in maniera assoluta. Il rischio infatti è di provocargli un’infiammazione intestinale cronica. Anche allungare il latte vaccino con dell’acqua è sbagliato: in ogni caso non contiene degli enzimi necessari ai felini. Esistono comunque dei gatti in grado di digerire il lattosio e in questo caso si può dare poco latte di mucca, a piccolissime dosi.