Rimanere svegli senza caffè è il sogno di molti, soprattutto di chi è allergico o intollerante a questa particolare bevanda. Senza dimenticare i salutisti e chi semplicemente odia il suo sapore! Esistono delle alternative? Almeno 3 da tenere a mente sia durante la colazione sia durante gli altri pasti della giornata.

La scienza ci dice che sono tre gli alimenti efficaci almeno quanto il caffè e molto più sani. Il risultato sarà di rimanere attenti e vigili durante l’arco dell’anno, riuscendo al tempo stesso a mantenere intatta la salute.

Le 3 alternative al caffè per rimanere svegli

Il tè mate è diventato in voga negli ultimi anni proprio per via delle sue proprietà. La bevanda viene ricavata dalla pianta Yerba Mate ed è ampiamente utilizzata in Sud America. Al suo interno c’è la caffeina, una sostanza che stimola il sistema nervoso e potenzia l’attività cerebrale, donando anche energia. Il tè mate ha anche un effetto diuretico e saziante, ma migliora anche l’umore e riduce l’ansia. Si può consumare sia caldo sia freddo e di solito lo si trova sotto forma di pastiglie.

Fra le 3 alternative al caffè per rimanere svegli troviamo anche il chewingum. Secondo diversi studi, masticare una gomma aumenta la concentrazione. Attenzione però agli ingredienti: molti prodotti contengono zuccheri raffinati oppure prodotti di origine animale.

Anche l’aromaterapia è una delle tecniche più valide per rimanere svegli in modo naturale. In particolare l’essenza di limone attiva i ricettori della mente e migliora l’attenzione. In Giappone l’essenza viene diffusa negli uffici tramite i condotti di aerazione per permettere ai dipendenti di avere maggiore energia e distrarsi di meno.