E’ stato dimostrato, sulla base di numerosi studi, che la frutta secca è un ottimo alleato per il nostro organismo. Prima di elencare i vari benefici della frutta secca, però, è molto importante fare una differenziazione tra le varie categorie di frutta secca esistenti. Abbiamo la frutta secca a guscio, che viene anche definita frutta “lipidica”. Hanno un altro contenuto di grassi definiti “buoni”, e la frutta secca polposa che viene essiccata, ma è ricca in zuccheri.

Chi può consumare la frutta secca?

La frutta secca è ricca di nutrienti, indispensabili per la salute del nostro organismo. Per questo motivo è utile conoscere le proprietà di questi frutti, e ancora più importante è sapere in che dosi è preferibile consumarla. La frutta secca oleosa, è molto calorica ed è altamente ricca in proteine, ma va consumato in modo moderato, non superando i 30/40 grammi al giorno. Sarebbe da preferire il loro consumo lontano dai pasti principali, per evitare di assumere troppi grassi e proteine.

È ideale, invece, per la colazione, come uno spuntino di metà mattinata o pomeridiana.
E’ consigliata anche per gli sportivi perché danno molta energia, oltre che sali minerali e carboidrati. Il suo utilizzo è anche per le persone diabetiche e per chi soffre di ipercolesterolemia dato che è ricca di fibre e di acidi grassi mono e poli insaturi. Ovviamente sempre senza esagerare nelle porzioni.

Benefici apportati dalla frutta secca

Non tutta la frutta secca presenta le stesse proprietà nutritive. Conoscerne le proprietà specifiche può essere utile per scegliere quella più adatta alle nostre esigenze.

  • Pistacchi: sono molto utili nel caso in cui si è affetti da colesterolo alto in quanto contribuiscono a ridurre i livelli di LDL, il cosiddetto “colesterolo cattivo” determinando un aumento dell’HDL, ovvero il colesterolo “buono”. Inoltre sono ricchi di vitamine e minerali.
  • Arachidi: sono ricche di minerali, antiossidanti, proteine, vitamine, fibre e grassi buoni.
  • Noci: sono ricche di sali minerali, vitamine e grassi omega 3. Risultano essere molto utili in caso di malattie cardiache e patologie infiammatorie, dato che aiutano il sistema immunitario. Inoltre, hanno molte proprietà antiossidanti e aiutano a regolare il ciclo del sonno.
  • Mandorle: è stato provato che consumarne circa 30 grammi al giorno è benefico per ossa e colesterolo, prevenendo il diabete, grazie anche alla presenza di grassi monoinsaturi, proteine, calcio, magnesio e fosforo.
  • Nocciole: sono ricche di fitosteroli, vitamina E, vitamina B, antiossidanti, sali minerali, grassi buoni e fibre. Sono in grado di prevenire patologie cardiache e circolatorie, ad abbassano il colesterolo e mantengono in salute l’apparato digerente.

La frutta secca fa ingrassare, è vero? Risponde la medicina

Come accennato pocanzi, la frutta secca apporta molte calorie, oltre che molti benefici, quindi un consumo eccessivo, un abuso, potrebbe determinare un aumento di peso, ma, comunque, se inserita in un piano alimentare sano ed equilibrato, non farà ingrassare, anzi, potrebbe addirittura aiutare, e facilitare la perdita di peso. Ovviamente è impossibile stabilire un quantitativo adatto a tutti, in  linea di massima il quantitativo da consumare giornalmente oscilla tra 10 e 30 grammi circa, anche a seconda del proprio stile di vita.