Ci sono delle cose da non fare quando non si chiama un taxi. Anche se sembra un’operazione semplice da compiere, non bisogna dimenticare quelle serie di arcottezze che è bene seguire. Gli errori sono dietro l’angolo, così come gli imprevisti.

Fra le cose da non fare quando si chiama un taxi troviamo ignorare le telefonate. Se abbiamo appena prenotato un’auto e non la vediamo arrivare, dobbiamo sempre tenere in considerazione alcune difficoltà che potrebbe aver incontrato il tassista. Dal traffico a molto altro ancora.

Cosa non fare quando si chiama un taxi

Quando si chiama un taxi non bisogna fare l’errore di non segnarsi la sigla. Parlando con il centralino, ci viene fornito infatti il codice che identifica la macchina che verrà a prenderci nel posto indicato. Sul posto però potrebbe arrivare chiunque e non solo un eventuale malintenzionato. Altre persone infatti potrebbero aver chiamato il taxi e noi potremmo rischiare di ‘rubare’ la corsa altrui.

Siamo nell’epoca dei cellulari e possiamo controllare con facilità la posizione GPS. Se abbiamo chiamato il taxi tramite smartphone, dobbiamo assicurarci che la posizione sia corretta. Solo così potremo essere certi che l’autista riuscirà a trovarci senza alcun intoppo. Calcolare i tempi di percorrenza poi dovrebbe essere una delle prime pratiche da tenere sempre a mente. Anche se i taxi possono percorrere le strade preferenziali e dedicate, non possono di certo andare contro il Codice Stradale. Ecco perchè bisogna effettuare la prenotazione in anticipo rispetto all’orario in cui desideriamo arrivare a destinazione.