Attenzione, questa verdura fa ingrassare: ecco qual è

E’ vero che si può mangiare verdura in gran quantità senza correre il rischio di ingrassare? No, non è così, vi sono verdure che vanno consumate con moderazione in quanto possono causare un aumento di peso. Esistono dunque verdure e alimenti che fanno ingrassare? Sì, ecco le verdure da consumare con attenzione.

Alcuni studi hanno dimostrato come vi sia un legame tra il consumo di alcuni vegetali come patate, mais e piselli e l’aumento di peso.

Tra questi le patate sono i vegetali che contengono il maggior numero di calorie. Questo è dovuto all’amido, un polisaccaride costituito da molecole di glucosio e ai carboidrati. Gli amidi, nello specifico, sono digeriti nell’intestino da specifici enzimi e dalla loro digestione si ottengono zuccheri basali che vengono poi assorbiti dall’organismo. Le patate dunque possono avere un impatto negativo sul nostro metabolismo e sull’assorbimento degli zuccheri.

Come consumare le patate senza ingrassare

Le patate lesse sono sicuramente il modo migliore per consumare le patate poiché le calorie restano più basse rispetto alle patate cucinate in altro modo come le patate al forno o fritte. Nel caso della cottura delle patate al forno, ad esempio, queste si disidratano e di conseguenza la stessa quantità di patate al forno ha più calorie rispetto alle patate lesse.

Questo non vuol dire che le patate vadano sempre evitate, anzi, quel che è importante è sapere come consumarle all’interno di una dieta ben calibrata e variegata.

Un primo trucco per evitare che le patate incidano sull’indice glicemico consiste nel raffreddare prima di consumarle. In questo modo, infatti, l’amido mantiene una struttura simile a quella originaria e quindi vi è un abbassamento del valore dell’indice glicemico. Le patate poi, che siano lesse, al forno o arrosto, non costituiscono un contorno, ma piuttosto sono un valido sostituto della pasta o del pane. La dose maggiormente consigliata e di non più di due patate piccole alla volta, possono essere consumate anche un paio di volte alla settimana ed è possibile consumarle anche a cena. Tutte queste indicazioni però vanno rapportate alle proprie caratteristiche fisiologiche nonché ad un eventuale piano nutrizionale specifico definito da un professionista del settore.

Come condire e abbinare le patate per non ingrassare

Per non ingrassare mangiando le patate è importante prestare attenzione anche al condimento: la dose ideale è di un cucchiaio da cucina di olio pari a circa 10 ml. Attenzione anche all’abbinamento delle patate con altri alimenti. E’ importante, infatti, evitare di abbinare le patate ad altri cereali e alla pasta. Provate dunque ad abbinare le patate ad una porzione di verdure.

E le patate dolci?

Attenzione poi a non confondere le classiche patate con quelle dolci conosciute anche con il nome di patate americane. Queste ultime sono caratterizzate da un sapore piuttosto zuccherino dovute ad un’alta concentrazione di glucidi. Dal punto di vista calorico poi le patate dolci apportano all’incirca 80 kcal per 100 grammi di prodotto, valore che le equipara praticamente alle patate comuni. A differenza delle classiche patate sono poi caratterizzate da più vitamina A e sono anche ricche di fibre e micronutrienti.


Puglia24News.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News