Mettere il latte nelle piante: ecco perchè devi farlo, assurdo

Sicuramente coltivare è diventata una delle azioni giornaliere di cui non si può fare a meno. Tuttavia, ritrovare nel proprio vasetto insetti o parassiti crea un senso di fastidio inevitabile. In questo caso si potrebbe procedere con degli insetticidi acquistabili nei veri negozi, ma è possibile anche mettere il latte nelle piante: ecco perché.

Mettere il latte nelle piante: consigli utili

Usare il latte nell’orto del proprio giardino sicuramente sarà una sorpresa di cui sicuramente non si può fare a meno. Il latte è composto da aminoacidi, proteine, enzimi e zuccheri naturale, tutte proprietà che sicuramente gli insetti non hanno modo di digerire, dato che non hanno il pancreas.

Inoltre, utilizzare il latte nelle piante porta agli stessi benefici di cui gli animali e gli esseri umani non possono farne a meno. E’ provato che il latte crudo è attualmente il migliore, poiché non viene esposto in maniera diretta al calore che altera quindi le proprietà benefiche che il latte fornisce, nonostante tutto però qualunque tipo di latte porta benefici.

Come specificato prima, il latte è un insetticida perciò può essere benissimo utilizzato contro gli insetti. Il dottor Wagner Bettiol, ha scoperto che il latte è davvero molto importante da utilizzare sulle piante. Infatti un suo esperimento su zucchine e oidio è riuscito alla perfezione. Inoltre, il latte ha funzionato come fertilizzante fogliare, proprio per questo motivo ha prodotto meloni molto più grandi e gustosi.

Usare latte nelle piante: consigli utili

Esistono molti modi per utilizzare il latte nelle piante, iniziamo con i consigli utili:

Come disinfettante

A questo punto il latte può essere utilizzato in vari modi, tra cui come disinfettante. La Michigan State University è affermato che “il latte è un disinfettante alternativo da utilizzare su gli utensili da serra per prevenire la trasmissione manuale dei virus”. Infatti, utilizzare a lungo andare sostanze tossiche possono portare le piante alla morte, per questo è consigliato immergere le piante nel latte per disinfettarle. Il latte inoltre riesce ad impedire la trasmissione di alcune malattie del pomodoro, tra cui il virus del mosaico e del tabacco.

Come fungicida

Il latte può essere utilizzato anche per combattere alcune malattie fungine come i funghi e le muffe. Per questo è consigliato spruzzare una miscela diluita sulle piante in modo tale da andare a ridurre la possibilità di eventuali infezioni. Inoltre, il latte è un potente additivo che si occupa di migliorare l’assorbimento dei pesticidi in modo da recuperare la forza dopo forti piogge o venti.

Come fertilizzante

Il latte essendo che possiede una buona quantità di calcio, si può benissimo utilizzare per nutrire le proprie piante. Può essere utilizzato per piante vegetali come peperoni, pomodori e zucchine. Per creare il composto diluito è consigliato miscelare il 50% di latte con il 50% di acqua. A questo punto è possibile spruzzare il composto come un normalissimo fertilizzante. E’ quindi consigliato innaffiare le piante intorno alla base o direttamente inserire il composto in una soluzione spray.

Efficacia contro gli afidi

Infine, il latte può essere utilizzato per controllare gli afidi autonomamente. Infatti alcune ricerche, hanno affermato come il atte è davvero utile contro afidi, tripidi e acari.