Unai Emery: chi è l’allenatore del Villareal? Età

Unai Emery, allenatore di nazionalità spagnola, è riuscito a portare in finale il Villareal in Europa League nell’attuale stagione agonistica, competizione che sempre di più porta il suo nome, essendo riuscito a vincere per ben 3 volte questa competizione quando era alla guida del Siviglia.

Unai Emery, è nato il 3 novembre 1971 (ha quindi 49 anni) a Hondarribia, comune basco situato al confine con la Francia, e dopo una carriera da calciatore di livello non particolarmente esaltante (spesa prevalentemente tra le serie minori spagnole come centrocampista), dopo il ritiro nel 2005 decide di dedicarsi alla carriera di allenatore, iniziando proprio dall’ultimo club dove aveva giocato, il Lorca, che ha dapprima portato alla promozione in Segunda division e la stagione successiva ha sfiorato il “doppio salto” in Liga.
Riuscirà a conquistare il massimo campionato l’anno successivo alla guida dell’Almeria, che nel secondo anno arriva addirittura all’8° posto nel massimo campionato spagnolo.
Viene quindi ingaggiato dal Valencia, dove dopo un 6° posto il primo anno, riesce a qualificarsi sempre per la Champions League per le successive tre annate, arrivando sempre il 3° posizione nonostante le numerose cessioni dei calciatori.
Nel 2012 si trasferisce in Russia, ingaggiato dallo Spartak Mosca ma l’esperienza è fugace e nel corso del 2013 ritorna in Spagna, al Siviglia come sostituto di Míchel. In Andalusia conquista tre Europa League consecutive: la prima nel 2014 ai calci di rigori il Benfica, poi sconfigge il Dnipro per 3 a 2 e infligge un 3 a 1 al Liverpool nel 2016, anno in cui viene ingaggiato dal Paris Saint Germain dove resta due anni: riesce a convincere in campo nazionale, con la vittoria di un campionato e diverse coppe nazionali ma va meno bene in quello internazionale, dove viene estromesso dalla Champions per due volte consecutive agli ottavi da parte del Barcellona e Real Madrid. Nel 2018 l’Arsenal lo mette sotto contratto e riesce ad arrivare al 5° posto in Premier League, oltre a conquistare nuovamente la finale di Europa League che lo vede tuttavia sconfitto dal Chelsea per 1-4. La stagione successiva è meno fortunata, visto che viene esonerato durante la stagione, mentre nel 2020 conquista un 6° posto con il Villareal e nuovamente la finale, dove lo attende un’altra compagine inglese, il Manchester United.