Biscotti integrali: fanno bene? Tutto quello che c’è da sapere

Dopo cappuccino e brioche, i biscotti sono uno degli alimenti più apprezzati per la colazione. Non sono sempre l’opzione migliore dal punto di vista nutrizionale (ad es. yogurt o cereali sono fresche alternative estive), ma vanno bene per quando si va di fretta e si ha solo il tempo per un caffè veloce. , sia per il caffè più tradizionale che per il latte. Insomma negarlo non serve si trovano negli scaffali di tutte le cucine, ma sai sceglierli? Soprattutto, sai quanto mangiarne?
La porzione consigliata è di 30 grammi, ma alzate la mano se la rispettate, sapendo soprattutto che potrete raggiungerla facilmente con pochi biscotti. Meglio non esagerare, arricchire la colazione con frutta fresca o secca, o preferire altri spuntini.

Quanti biscotti dovresti mangiare?

È facile farsi beccare uno dopo l’altro, soprattutto a colazione o quando si ha voglia di uno spuntino: è allora che dovresti fermarti.

  • Gocciole Chocolate. Un biscotto pesa 12 g: ne bastano solo due e mezzo per arrivare alla porzione considerata ottimale per la prima colazione.
  • Macine. Anche in questo caso bastano ne bastano due e mezzo: un biscotto pesa 13 g.
  • Pan di Stelle. Con i suoi 7.8 g, bastano quattro biscotti e mezzo per arrivare alla porzione di 30 g.
  • Fibrextra Misura. La scelta di un biscotto integrale aiuta a raggiungere la quantità di fibre di cui abbiamo bisogno per proteggere e far lavorare bene il nostro intestino. Un solo biscotto pesa 7 g, quindi per raggiungere la porzione ne puoi mangiare quattro.
  • Oro Saiwa. Un biscotto pesa 5.2 g: ne puoi mangiare ben sei.
  • Pavesini. Sono i biscotti più leggeri, sia per il peso sia per le calorie: una porzione di 11 biscotti, pesa 25 g e ha 99 kcal.

Biscotti con farina integrale

Rispetto alla farina raffinata, la farina integrale fornisce più fibre, che rallentano l’assorbimento di zuccheri e grassi nei biscotti e riduce l’impatto sulla glicemia”, continua Titta. Inoltre, la fibra ritarda la fame e promuove la regolarità intestinale.

Come faccio a sapere se la farina utilizzata è davvero farina integrale?

Ma attenzione a non confondere i veri biscotti integrali con biscotti che contengono piccole quantità di cereali integrali. Per legge, gli ingredienti devono essere elencati in ordine decrescente in base alla quantità. Se sulla confezione è menzionata la farina integrale, deve indicarne il contenuto percentuale.

Quando prepari i biscotti fatti in casa, fai attenzione a non esagerare con la farina integrale perchè la fibra blocca l’assorbimento di alcuni nutrienti, come i sali minerali. Il suggerimento per ottenere l’impasto della giusta consistenza è quello di mescolare la farina integrale, che assorbe umidità, con la farina ’00’, che sprigiona umidità. Un esempio è la ricetta dei biscotti con gocce di cioccolato.

Biscotti ai cereali

E se troviamo le parole “multicereali” sull’etichetta? Questo non significa necessariamente che il chicco sia intero, solo che vengono utilizzati diversi tipi di grani, e se trovi la parola “ricco di fibre” a volte può significare che la crusca è stata aggiunta alla farina raffinata. Quindi integrale non significa luce. È sempre bene leggere la tabella nutrizionale prima dell’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.