Ecco cosa succede al nostro corpo quando mangiamo la mozzarella scaduta

In genere la mozzarella va consumata entro 2-3 giorni dalla data di scadenza, purché la superficie non si sia deteriorata o ingiallita. Mangiare mozzarella dopo dieci giorni dalla data di scadenza mette a rischio la Listeria monocytogenes. Anche a bassi livelli, è un batterio altamente patogeno per l’uomo. Pertanto, bisogna fare attenzione perché questo batterio può moltiplicarsi anche quando la mozzarella è refrigerata. L’infezione da Listeria può essere rilevata anche nei latticini preparati con latte non pastorizzato. I più a rischio sono quelli con sistema immunitario compromesso: malati di cancro, diabete, AIDS, anziani e neonati. Donne incinte a rischio: cosa fare in presenza di mozzarella scaduta? Dobbiamo prima leggere l’etichetta per scoprire se si tratta di mozzarella “acido lattico” o “acido citrico”.

La lista degli ingredienti

Nella mozzarella “veloce”, l’elenco degli ingredienti dopo latte, sale e caglio mostra l’acido citrico come correttore di acidità o acido lattico. L’uso di questo acido salta l’intera fase di fermentazione dei batteri lattici, risparmiando tempo prezioso. La mozzarella risultante non aveva un buon sapore perché l’aroma conferito dai batteri lattici era scomparso. Per risolvere questo problema, è stato aggiunto più sale.

Posso ancora mangiare la mozzarella scaduta?

Può essere consumata in vari modi fino a 2-3 giorni dopo la scadenza. Possiamo riciclarlo in ricette originali e semplici. Ecco alcune ricette: mozzarella alla pizzaiola, mozzarella in carrozza, borchie appiccicose, mozzarella fritta, mozzarella al forno, bruschette mozzarella e salsiccia, pizza, patate mozzarella, uova di mozzarella, purea di mozzarella.

Nella mozzarella originale indica di solito quattro nomi: “latte, fermenti lattici, caglio, sale”.

Il risotto alla mozzarella era ottimo. In questo caso basterà soffriggere leggermente la cipolla e il sedano e tostare il riso. Aggiungere gli spinaci o altre verdure a foglia verde. Cuocete il risotto e alla fine aggiungete la mozzarella a dadini.

Quali sono le proprietà nutritive di una buona mozzarella?

La mozzarella di vacca, nota anche come fior di latte, ha un contenuto calorico leggermente inferiore rispetto alla mozzarella di bufala. Fornisce 253 kcal per 100 grammi. Per quanto riguarda i macronutrienti, la mozzarella è principalmente una fonte di proteine ​​(18,7 grammi) e grassi saturi (19,5 grammi). D’altra parte, i livelli di colesterolo sono estremamente bassi. I micronutrienti più interessanti che contiene sono il calcio, in particolare il fosforo: fino al 43% della dose giornaliera raccomandata. La mozzarella contiene anche sodio, potassio, magnesio, beta-carotene e vitamine B12, K, J. Il calcio è essenziale per la salute delle ossa.

Quali sono i vantaggi della mozzarella?

La mozzarella è una buona fonte di vitamina B7. Poiché questo nutriente è solubile in acqua, il corpo non lo immagazzina. Pertanto, mangiare questa variante di formaggio può soddisfare le tue esigenze nutrizionali immediate. Questa vitamina previene anche le unghie fragili. Gli studi hanno dimostrato che la biotina può anche abbassare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete. La mozzarella contiene molto fosforo, che aiuta il corpo ad assorbire il calcio dal cibo. Il fosforo aiuta la digestione, la normale funzione dei reni e combatte l’affaticamento muscolare potenziando la funzione cerebrale.