Salute: la frutta che devi bandire se soffri di glicemia e colesterolo

Uno stile di vita sedentario, pigrizia, mancanza di atletismo e un anno di condizioni familiari e restrizioni indotte dalla pandemia hanno peggiorato la salute di molti. Fattori psicologici ed emotivi provati si aggiungono all’aumento dei valori negativi che suonano come allarmi da spegnere presto. È noto da tempo che i trigliceridi, il colesterolo LDL e la glicemia alta sono “esercizi” dannosi del metabolismo degli zuccheri e dei grassi. Se nulla può sostituire la consulenza medica qualificata, l’esercizio fisico e (se necessario) il trattamento per evitare il diabete o il rischio di infarto e ictus, c’è molto da fare in nutrizione per prevenirlo.

Saper scegliere la frutta

L’ipercolesterolemia è uno dei nostri peggiori nemici e può essere combattuta riadattando la nostra dieta settimanale. Come tutti sappiamo, bisogna cercare di evitare o ridurre il consumo di dolci, troppo pane, troppa pasta, affettati, fritti, bibite gassate zuccherate e alcolici. Con tanto spazio per pesce, verdure crude o cotte, scegliere quale frutta mangiare è molto importante. Perché può aiutare a normalizzare i livelli di zucchero nel sangue e colesterolo in modo importante.

Da avere sempre a casa

Alcune persone potrebbero obiettare che la frutta contiene zucchero, quindi non è raccomandata per chi ha livelli elevati di zucchero nel sangue e lipidi. Non è così, o meglio dipende da una scelta consapevole. Diabetologi e nutrizionisti ora sconsigliano all’unanimità di mangiare conserve e conserve, uva, banane, fichi e cachi. È meglio scegliere mele, fragole, albicocche, bacche di goji, limoni, ananas e pesche, ma senza esagerare. Ancora meglio, frutti ricchi di vitamina C, tra cui arance e kiwi. Il melograno, il mirtillo, il bergamotto e il pompelmo sono molto efficaci per il colesterolo LDL elevato e i livelli di zucchero nel sangue. È utile associare la frutta secca alla frutta fresca: adagiate quindi noci, nocciole, mandorle, pistacchi (non salati). Ma attenzione alle quantità: rilasciano molte calorie. Infine, una recente scoperta: il riso rosso fermentato ha ottime proprietà  dannose del colesterolo.

Tutto ciò, va ribadito che una dieta equilibrata e individualizzata sarebbe migliore se supervisionata da un nutrizionista.

Dobbiamo iniziare tenendo conto che solo un italiano su dieci consuma la quantità di frutta e verdura consigliata dai nutrizionisti, le cinque porzioni più discusse. Gli italiani hanno difficoltà a mangiare questi cibi semplicemente perché non sono pratici. Una fetta di pizza o un panino a pranzo è più conveniente dell’insalata fresca o della frutta.

Le aziende hanno affrontato questo problema immettendo sul mercato confezioni di frutta e insalata già lavate e pronte all’uso, ma a quanto pare chi trascorre molto tempo in auto bloccate nel traffico trova più facile addentare i panini durante la guida, piuttosto che biforcare verdure. . Una volta tornati a casa, dobbiamo cambiare il nostro modo di mangiare preferendo cibi sani, un compito difficile anche in questa situazione, perché potremmo tornare a casa con la fame arretrata e finire per affogare in un piatto di pasta.