Biscotti integrali: quali sono i migliori? Non tutti lo sanno!

Ad alcune persone piace mangiare i biscotti a colazione, ad altri si gode il classico tè delle cinque con loro e ad altri piace avere i biscotti come dolcetto al lavoro o davanti alla TV. Infatti, i corridoi dei supermercati sono ora pieni di decine di tipi diversi di biscotti: biscotti secchi, biscotti di pasta frolla, biscotti secchi, biscotti con gocce di cioccolato, biscotti alla frutta secca, biscotti integrali, biscotti senza zucchero, biscotti senza glutine, biscotti senza lattosio eccetera. Quarto… ma c’è davvero differenza tra un biscotto e l’altro? Altroconsumo ha cercato di rispondere a questa domanda e ha creato un database di 168 biscotti e ha collaborato con la start-up Edo per analizzarne la qualità nutrizionale.

Per ogni biscotto sono state valutate da un lato le proprietà nutritive e dall’altro la composizione. Per quanto riguarda l’alimentazione, i nutrienti benefici (vitamine, minerali e fibre) sono considerati positivi, mentre quelli ristretti (grassi saturi, zucchero e sale) sono considerati negativi.

Anche gli ingredienti vengono valutati utilizzando un principio simile: i migliori sono valutati più alti e i peggiori sono valutati più bassi. Ricchi di fibre e biscotti “senza” uno o più ingredienti.

I biscotti di pasta frolla hanno quattro ingredienti base, ovvero farina, zucchero, grasso e uova. Ma i biscotti hanno più o meno calorie a seconda di cosa viene loro aggiunto. Ad esempio, i conteggi calorici più elevati sono le gocce di cioccolato, il cacao e la frutta secca. In ogni caso, i frollini sono i biscotti più ricchi e calorici in commercio, con un contenuto di grassi mediamente superiore ai biscotti secchi, ma variano molto da un prodotto all’altro, da 9 grammi a 24 grammi per 100 grammi. Dal punto di vista nutrizionale, l’analisi di Altroconsumo premia Novellini Vivi Verde Coop con latte e miele.

I biscotti secchi, invece, hanno un solo ingrediente base: la farina. Poi si aggiungono tutti gli altri ingredienti, solitamente zucchero, grasso, latte, uova, lievito e aromi. Sono i biscotti a basso contenuto calorico in circolazione. Il test ha dato a Oswego e Gran Varié Colussi i punteggi nutrizionali più alti, mentre il “peggiore” è stato Auchan Bio. I biscotti integrali sono caratterizzati da un contenuto di fibre maggiore rispetto ad altre categorie. Ma varia ampiamente (in media 6 grammi per 100 grammi di prodotto). Il minimo è Frollini con Fiocchi d’Orzo e Avena Coop Bene Sì (2,2 g/100 g) e il più ricco è Oro Saiwa Fibrattiva (4 g/100 g). Nel complesso, dal punto di vista nutrizionale, l’analisi di Altroconsumo ha posto al primo posto i biscotti Carrefour Bio con farina di farro integrale e all’ultimo Cereabel Campiello.

Infine, ci sono i “biscotti senza”, ovvero i biscotti che mancano o si riducono in uno o più ingredienti. Ma non sono necessariamente più sani di altri. Tuttavia, il leader nella sua categoria, Oro Saiwa Frollini integrali senza zucchero, è stato anche il prodotto con il punteggio più alto su 168 prodotti analizzati.

"syntax error, unexpected '.'"