Attenzione a mangiare melenzane con semi: ecco cosa succede

Le melanzane sono un ortaggio molto amato e consumato soprattutto in estate. Sono protagoniste di piatti comuni come la parmigiana di melanzane, la caponata o le melanzane ripiene (e la lista potrebbe continuare a lungo). 

Anche se sono etichettate come bacche, le melanzane sono verdure in senso culinario perché possono essere fritte, grigliate, cotte al forno o bollite. Si sviluppano dal fiore di una pianta e contengono semi. Le melanzane hanno innumerevoli proprietà benefiche per il nostro corpo.  Scopriamo insieme quali sono.

I benefici delle melanzane 

Questi frutti viola dalla forma tonda o cilindrica hanno un basso apporto calorico. Parliamo di soli 41 kcal per 100 g di prodotto cotto senza sale e grassi aggiunti. Le melanzane sono: 

  • Diuretiche e drenanti 
  • Ricche in fibre (aiutano, infatti, l’intestino) 
  • Ricche di vitamine e sali minerali 
  • Antiossidanti, perché contengono le vitamine A e C, che aiutano a proteggere le cellule dai danni. 
  • E infine, stimolano la produzione di bile. 

In altre parole, sono ottime in caso di carenza di mineraliritenzione idrica, stitichezza e colesterolo alto 

Attenzione: Mai consumare una melanzana cruda perché è nociva nocivo per la salute. È la solanina ad aggravare sull’organismo. L’assunzione eccessiva di solanina può creare effetti collaterali spiacevoli, ad esempio sonnolenza, irritazione della mucosa gastrica, etc.. Tuttavia, cuocendo l’alimento, questa sostanza diminuisce. 

Come capire se la melanzana è buona da mangiare 

Capire se la melanzana che vogliono consumare è buona da mangiare o è da buttare è semplice: basta vedere se la pelle sembra opaca, rugosa o con cicatrici. Un altro segno evidente è quel il suo bel colore viola diventato ormai marrone. In questi casi è possibile che la melanzana sia andata a male e, quindi, deve essere buttata via. 

Sapevate che la melanzana contiene acido nicotinico al suo interno, che può creare dipendenza? 

Per quanto riguarda i semi  

Le melanzane sono formate da una buccia dura esterna (il cui colore varia dal viola, al nero, rosso-porpora, viola scuro, ecc.) e una polpa morbida e spugnosa al cui interno troviamo semi morbidi e commestibili. In genere, i semi delle melanzane più giovani sono piuttosto piccoli e non c’è necessità di toglierli prima della preparazione. D’altro canto, le melanzane più mature sono composte da semi più grandi, i quali contengono il sapore più amaro. Tuttavia, se i semi sono morbidi e appena visibili non è necessario rimuoverli. Se, invece, sono marroni possono essere rimossi con un cucchiaio. 

In conclusione 

I semi delle melanzane non sono tossici, quindi posso essere consumati. È bene prestare attenzione, però, al contenuto di solanina nell’alimento. Se consumata eccessivamente può portare ad effetti collaterali.