Per capi brillanti e profumati, usa questo trucchetto in lavatrice: geniale!

Il bucato dei colorati richiede diverse accortezze. Alcune cose dovrebbero essere lavate a mano e altre dovrebbero essere in lavatrice con capi d’abbigliamento dello stesso colore. Indumenti colorati e bianchi non dovrebbero mai essere lavati insieme. Questo perché i bianchi possono avere un lavaggio d’acqua calda, ma la storia è diversa per quelli colorati. L’acqua calda può stringerli o fare perdere i loro colori brillanti. Per questi motive i capi colorati giacciono per più tempo nel cesto del bucato.  

In questo articolo spiegheremo alcuni suggerimenti per mantenere brillanti gli indumenti colorati.  

L’esatta temperatura per lavare i colorati 

Come abbiamo menzionato, gli indumenti colorati non vanno affatto d’accordo con l’acqua calda, perché minaccia l’intensità dei colori. Dunque, bisogna verificare la temperatura sull’etichetta per un lavaggio corretto. Generalmente, i capi colorati si possono lavare a 40 gradi.  

I lavaggi a freddo sono comunque ideali per indumenti nuovi. Inoltre, è consigliabile lavare i capi colorati a mano per le prime 3-4 volte, in modo da non rilasciare molto colore. Questo vale per tutti i tipi di colori (anche molto accesi) come il rosso, fucsia, arancione, verde, blu, e quelli a fantasia. 

Il detergente 

I capi colorati hanno bisogno di detersivi specifici, come quelli “Salva Colore”. Questi tipi di detersivi sono concepiti per rispettare i colori e mantenere la loro luminosità. Ma sono anche efficaci contro sporco e macchie a basse temperature; quindi, sono perfetto per il bucato a freddo. 

I detersivi in polvere sono la scelta da evitare, perché potrebbero lasciare residui sul tessuto e creare un effetto sbiadito. 

 Ecco come fissare i colori 

Uno di dei tanti rimedi efficaci per restituire colore ai capi è quello di tingerli. Naturalmente bisogna stare attenti e controllare l’etichetta degli indumenti per capire se il tessuto in questione può essere sottoposto alle tinture. I tessuti che si tingono meglio sono quelli in fibre naturali o realizzati in raion o nylon. 

Sapete che per ravvivare e mantenere il colore dei capi è sufficiente affidarsi a soluzioni casalinghe? Quali ingredienti possiamo allora usare per far brillare i nostri indumenti? 

Il sale: esatto, il sale da cucina serve a fissare e proteggere il colore, ed è utile per eliminare le macchie. 

L’aceto: l’aceto di vino bianco ha un elevato potere fissativo. Neutralizza gli odori cattivi e ridona brillantezza e morbidezza a tutti i tipi di tessuto. 

Come procedere? 

È sufficiente mettere i capi da ravvivare in ammollo con acqua fredda, poi aggiungete il sale grosso e aceto di vino bianco. Lasciate in ammollo per almeno un’ora e poi risciacquare abbondantemente. Poi si procede con il lavaggio a mano o in lavatrice, usando un detergente molto efficace e poco aggressivo sui tessuti, più due cucchiai di sale e un bicchiere di aceto al posto dell’ammorbidente.
Programmate la lavatrice ad una temperatura bassa, non oltre i 30°. Una volta che il lavaggio è concluso stendere gli indumenti al riparo dal sole. 

Con questo trucco vedrete il vostro bucato pulito e splendente come nuovo!