Pomodoro sbucciato: ecco cosa è stato scoperto, incredibile

I pomodori sono molto importanti per la nostra salute. Ci offrono diverse proprietà nutrizionali e sono facili da mangiare. Ma devono essere consumati con o senza buccia? Scopriamo insieme la riposta.  

I benefici dei pomodori sbucciati 

I pomodori sono fonte di preziosi nutrienti, come il potassio, fosforo, vitamina C, vitamina K e folati. Il tipico colore rosso del pomodoro è dovuto all’ antiossidante chiamato licopene. Perché le proprietà dei pomodori sono così benefiche per la salute? 

Il potassio, associato a un elevato contenuto di acqua (circa il 95%), conferisce al pomodoro qualità fondamentali per cui si prende cura della salute dei nostri reni. E la buona funzione renale aiuta a ridurre il rischio di ipertensione! 

Il licopene, un pigmento naturale della famiglia degli antiossidanti (che, come menzionato, conferisce al pomodoro il colore rosso) previene lo sviluppo di alcuni tumori, inclusi quelli al polmone, esofago, pancreas, stomaco e prostata.  

I pomodori riducono il rischio di diabete perché sono ricchi di quercetina, ovvero un antiossidante della famiglia dei flavonoidi. È stato dimostrato, da uno studio finlandese, che questo tipo di antiossidante ci protegge dal rischio di diabete e le malattie cardiovascolari.  

Mangiare regolarmente i cibi contenenti la quercetina, come i pomodori, riduce del 20% il rischio di morire di diabete o di malattie cardiache. 

La buccia dei pomodori 

I pomodori non contengono tutti quei nutrienti solo se sbucciati. Anche se rimuovere la buccia può sembrare una pratica igienica, non dimentichiamo che può essere mangiata! Di fatti, la buccia stessa del pomodoro è carica di tutti i suoi nutrienti. Sono ricche di fibre, ideali per facilitare il transito intestinale. 

Il pomodoro può benissimo essere mangiato con la buccia, non solo perché e digeribile ma anche contiene il licopene che aiuta a combattere l’invecchiamento cellulare. 

I soli motivi per cui la buccia dovrebbe essere eliminata sono legati a un intestino fragile o uno stomaco sensibile, ma in circostanze non problematiche, via libera! 

Mangiare troppi pomodori 

Si, è vero che questi ortaggi ci offrono innumerevoli proprietà, ma attenzione agli eccessivi. I pomodori non dovrebbero essere più di 2 o 3 al giorno.  

Considerando che sono cibi “acidi‘, e non è consigliato mangiarne in eccesso. La moderazione è la chiave principale della corretta alimentazione, in modo da evitare problemi. Mangiare troppi pomodori, infatti, può provocare alcuni problemi, come: bruciore di stomaco, reazioni allergiche, problemi renali, sindrome dell’intestino irritabile, problemi urinari, diarrea, emicrania, ecc.  

Basta non eccedere per poter gustare ogni tipo di prodotto senza conseguenze, anche gravi.