Friggitrice ad aria: ecco come pulirla in modo semplice e veloce

Oggi parliamo della corretta pulizia della friggitrice ad aria. Uno dei punti a suo favore riguarda proprio la pulizia, grazie al fatto che viene usato pochissimo olio per cottura (o in alcuni casi non viene utilizzato affatto). Anche dopo il suo uso, la friggitrice ad aria risulta pulita, molto di più di quanto lo posso essere un forno tradizionale. 

La pulizia è molto rapida, semplice e basta seguire poche regole, in modo che rimanga sempre come nuova. 

Cosa usare per la pulizia della friggitrice ad aria 

Panno in microfibra 

Un panno di microfibra di buona qualità è uno dei mezzi più adatti per la pulizia della friggitrice perché non rischia di graffiare le superfici, come invece succederebbe con spugne abrasive e simili. 

Spugna non abrasiva e detergente liquido 

Non può non mancare nella lista una spugna non abrasiva. La spugna è utile anche per lo sporco ostinato, grazie all’aiuto di qualche goccia di detergente liquido. 

Spazzola 

Quando si sceglie una spazzola per la pulizia della friggitrice, è importante che le setole siano morbide per non graffiare il rivestimento antiaderente. Da non sottovalutare la lunghezza della stessa spazzola. Se è più lunga sarà più facile raggiungere i punti più difficili e scomodi da pulire. 

Pulire il cestello della friggitrice ad aria

Prima di procedere con la cottura, utilizzare un foglio di carta stagnola da posizionare sotto il cestello è un ottimo modo che aiuta in seguito con le operazioni di pulizia. La carta stagnola serve, infatti, a raccogliere i residui. 

Generalmente le friggitrici ad aria hanno le parti estraibili lavabili a mano, altre anche in lavastoviglie. Ma il lavaggio in lavastoviglie può compromettere il materiale del cestello, soprattutto la caratteristica dell’anti-aderenza. Lavaggio dopo lavaggio, possiamo ritrovarci con un cestello sciupato. È sempre un buon consiglio lavare le parti estraibili a mano con sapone per piatti, acqua calda e una spugna non abrasiva.  

Nel caso in cui lo sporco sia ostinato, il cestello può essere lasciato ammollo in acqua ben calda con dello sgrassatore per almeno 10 minuti e poi procedere alla sua pulizia a mano. 

Un appunto da ricordare è quello di sciacquare molto bene le parti della friggitrice che vanno a contatto con i cibi, per non alterare il gusto degli alimenti. Naturalmente il tutto va ben asciugato con un panno pulito prima rimontarlo nel corpo della friggitrice. 

Come pulire l’interno della friggitrice ad aria 

È necessario pulire l’interno della friggitrice ogni tanto così da assicurarci sempre il corretto funzionamento. Infatti, la pulizia interna dovrebbe essere fatta regolarmente per averlo sempre pulito ogni volta che lo si usa. 

Accertatevi che la friggitrice ad aria si sia ben raffreddata prima di pulirla, poi è necessario scollegarla dalla presa elettrica ed estrarre le parti removibili.  

Come menzionato, non vanno utilizzati prodotti abrasivi e aggressivi. Meglio usare una spugna morbida e acqua calda. Nel caso di sporco ostinato usate un detergente neutro non aggressivo. In seguito, risciacquate con acqua e aceto e asciugate con della carta assorbente. 

Quando è necessario pulire a fondo la friggitrice?

Il tutto dipende da quante volte viene usata la friggitrice. Solitamente, la pulizia approfondita va fatta una volta al mese, ma a volte è il caso di farlo più frequentemente. Vediamo quando. 

Se la friggitrice non viene pulita spesso, è molto probabile che si accumulino grassi e residui, il che porta a cattivi odori. Naturalmente è molto più probabile che ciò accada quando la friggitrice ad aria e usata spesso. 

Nota finale 

La friggitrice ad aria va pulita spesso soprattutto se viene usata con una certa frequenza. Ma prima di procedere con le operazioni di pulizia, assicuratevi che la spina sia staccata e che l’elettrodomestico sia raffreddato. 

Ricordate che ogni accessorio va maneggiato con cura e trattato con delicatezza. Anche una banale caduta del cestello o di un cassetto potrebbe danneggiarli e comprometterne in funzionamento.  

Per ultimo ma non meno importante, non usate spugne abrasive che possano graffiare le superfici.