Quando bisogna mangiare la frutta? Ecco il parere del nutrizionista

Dietologi e nutrizionisti concordano su alcuni punti fondamentali della nostra alimentazione, e uno di questi riguarda l’importanza della frutta in pressochè ogni dieta.
La frutta infatti contiene sostanze molto importanti per il nostro organismo che in alcuni casi non sono riscontrabili in altri cibi, anche se il “quando è opportuno consumarla” è diventato un argomento piuttosto dibattuto. Infatti se fino a non troppo tempo la il ruolo della frutta sembrava calzante in particolare come “fine pasto”, da diversi decenni è stato piuttosto confermato il ruolo di alimento benefico in quasi ogni ora della giornata senza una particolare predilezione.

Quando bisogna mangiare la frutta? Ecco il parere del nutrizionista

Sono in molti ad essere sicuri che l’effetto benefico della frutta possa essere garantito solo se assimilata a stomaco vuoto, nella fattispecie a colazione o comunque di prima mattina: l’apporto di fibre, che hanno la funzione di ridurre l’assimilazione dei grassi possono essere sfruttate a pieno nelle fasi iniziali della giornata, che sono anche i migliori momenti per godere degli effetti energetici del fruttosio presente in gran parte della frutta.
In sostanza è vero, ma questo non significa che mangiarla dopo i pasti sia dannoso in maniera assoluta: un consumo limitato di frutta a fine pranzo può essere positivo a patto che si opti per ridotte quantità e magari scegliendo una tipologia facilmente digeribile (come le mele, ad esempio). Scegliere un frutto come merenda, consumandoli quindi lontano dai pasti può aiutarci a far passare la fame per affrontare una cena meno corposa, dal punto di vista della digestione, non ci sono particolari differenze fra consumare la frutta all’inizio o alla fine del pasto; proprio dopo cena è invece decisamente sconsigliabile mangiare questo alimento, perchè l’organismo fa più difficoltà a digerire il pasto, ed in senso ampio consumare la frutta immediatamente prima o dopo di un pasto i nutrienti non vengono assimilati in modo totale.

frutta