La pizza “contro” la glicemia alta: ecco qual è

La glicemia viene associata al livello di zuccheri presenti nel sistema sanguigno, valore che è di particolare rilevanza per chi soffre di diabete. L’alimentazione pur risultando solo parzialmente incidente nei valori di glucosio, è estremamente importante per mantenere la glicemia su livelli di “tolleranza”, per questo alimenti molto famosi e diversificati come la pizza spesso sono considerati da “lista nera”. Ma esiste una pizza “anti” glicemia alta?

La pizza “contro” la glicemia alta: ecco qual è

Il carico glicemico “medio” della pizza non è elevatissimo ma la composizione di qualsiasi prodotto farinaceo è considerabile “rischiosa” perchè alimenti come la pizza aumentano il carico glicemico in una tempistica allargata ed anche l’apporto dell’insiluna agisce lentamente.

Il consiglio è di consumare una pizza magari composta da farine poco raffinate, ma anche una “normale”, con gli ingredienti giusti possono accellerare l’azione dell’insulina. Trattandosi di un alimento che in buona sostanza può “ospitare” ogni genere di ingrediente, è meglio optare su alimenti come il pomodoro e la mozzarella di bufala in quantità limitate invece di fritture aggiunte (come le patatine) e di altre “spezie”.

E’ consigliabile aggiungere una quantità di olio extra vergine a crudo, sostanza che migliora la risposta dell’organismo in merito al carico glicemico in aumento con l’assunzione di pizza.

In generale, anche un diabetico può mangiare una pizza come la margherita, se presenta ingredienti di buona qualità a patto di non eccedere con le quantità ed evitando ovviamente forme alternative di pizza fritta.

E’ anche da consigliare consumarla a pranzo, in quanto di sera l’organismo necessita di maggior tempo per smaltire.

pizza tutti i giorni pizza fa ingrassare