Quante arachidi si possono mangiare al giorno? Ecco la risposta

Anche se sono spesso classificate come frutta secca, la composizione delle arachidi hanno da tempo permesso l’associazione alla famiglia dei legumi, sebbene il consumo risulta essere spesso legato a contesti alimentari differenti. Costituiscono una importante alimento in chiave nutritiva, ma dato l’apporto calorico un consumo eccessivo è da evitare.

Quante arachidi si possono mangiare al giorno? Ecco la risposta

Trattandosi di una forma di legume in tutto e per tutto, le arachidi sono indubbiamente un’eccellente fonte di proteine in particolare per chi non fa uso di vegani e vegetariani, ma anche per chi necessita di un energizzante oppure di una costante fonte proteica, come ad esempio chi fa sport o attività fisica in generale.

Sono inoltre ricche di vitamine, sali minerali, e fibre. Tra i nutrienti spesso riportati spicca l’Omega 3, che pur non essendo “miracoloso” come era lecito pensare anni fa, garantisce una protezionen per il nostro organismo ed è utile  per contrastare il colesterolo “cattivo” oltre che per limitare la glicemia alta in quanto sono sufficienti anche solo 10 arachidi al giorno per abbassare l’indice glicemico e rallentare l’assorbimento degli zuccheri.

Tuttavia l’apporto di arachidi se eccessivo sviluppa eventuali problematiche di natura digestiva in quanto sono presenti diverse tipologie di enzimi che possono portare a gonfiore addominale, aria in eccesso nell’intestino e fastidi nella zona corrispondente.

La quantità “sicura ” corrisponde a 30-35 arachidi sgusciate al giorno, mentre la dose deve ridursi se si fa ricorso a quelle tostate che sono sensibilmente più caloriche. Va anche ricordato l’apporto calorico che è importante, in quanto mediamente 100 grammi di arachidi corrispondono a circa 600 calorie.

arachidi diabete