Integratori, attenzione a quale si consumano: ecco cosa può succedere

Sempre più diffusi, gli integratori alimentari spesso vengono utilizzati in modo improprio oppure al contrario visti con un occhio di sospetto perchè associati spesso ad un regime alimentare sportivo. In realtà, come dice il nome l’integrazione alimentare è molto utile quando una persona per differenti motivazioni (come intolleranza ad alcuni cibi, diete o patologie particolari) non può assumere sostanze che sono indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo, ed è quindi necessario integrare queste sostanze tramite un altro modo.

Integratori, attenzione a quale si consumano: ecco cosa può succedere

In commercio ne esistono di tantissimi tipi, regolarizzati da una legge creata nel 2004, che riporta la descrizione “ufficiale” di questi prodotti:
I prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”.

Non essendo medicinali sono di libera vendita e generalmente non hanno controindicazioni, ma anche sotto questo punto di vista è bene precisare che gli effetti collaterali sono comunque esistenti. Diffidate da chi promette risultati miracolosi, o miglioramenti di prestazioni, perchè il vero scopo dell’integrazione è ben diverso.
Generalmente gli integratori contengono vitamine, sali minerali, amminoacidi, in alcuni casi aromi naturali.

Generalmente un corpo sano, che segue una dieta equilibrata non necessità di integrazione che può essere utile quando non addirittura indispensabile nelle condizioni già elencate oppure quando bisogna rispettare un regime alimentare rigido dovuto per esempio all’attività sportiva. In ogni caso conviene sempre chiedere pareri a medici seri e nutrizionisti.

Anche se sono venduti “liberamente” il consumo di integratori in modo indiscriminato può portare a scompensi, debolezze, oltre che a problemi come fastidi allo stomaco, costipazione o diarrea.

integratori