Caramelle gommose, ecco perchè fanno male: attenzione!

Il contesto alimentare moderno ha avuto una enorme influenza anche culturale nell’ambito del cibo come lo conosciamo oggi. In particolare l’industria dolciaria e quella legata al contesto degli snack ha portato una diffusione capillare di prodotti già esistenti ma che sono stati “modificati”, come le caramelle gommose.

Caramelle gommose, ecco perchè fanno male: attenzione!

Siamo soliti pensare che qualsiasi alimento dalla provenienza “chimica” e dall’aspetto non propriamente salutare abbia delle proprietà non esattamente salutari per il nostro organismo: fin da piccoli infatti siamo influenzati in maniera diretta ed indiretta dalle opinioni che ci circondano e quando qualcosa è particolarmente dedito all’assuefazione ed è dolce, probabilmente “farà male”.
Questa descrizione si adatta perfettamente a quella delle caramelle gommose che continuano ad essere al centro di numerose diatribe sulla fabbricazione e sopratutto sui materiali utilizzati.

A dispetto delle tante voci, le caramelle gommose sono costituite principalmente dalla cosiddetta colla di pesce una proteina animale in precedenza ricavata per l’appunto dai pesci ma che è stata sostituita da una sostanza che si ricava dalla cartilagine di bovini e suini. E’ largamente utilizzata in pasticceria, sia per dare stabilità ad alcuni dolci ma anche per conferire lucidità.
Nonostante la raffinazione inevitabile per renderle maggiormente digeribili infatti non sono estremamente dannose se consumate in quantità modeste: quello che le rende poco salutari è l’elevato potere calorico nonchè l’apporto decisamente alto di zuccheri e aromi non naturali. Come per quasi tutte le cose, il consumo deve essere congruo con il ritmo del nostro organismo.

Insomma niente di “terribile” come alcuni vogliono far pensare, ma si tratta di un alimento che è ben lontano dall’essere salutare.

Caramelle gommose