Attenzione a questo parassita: giardino e orto sono in pericolo

Chi ha l’orto e il giardino affronta diversi ostacoli, sempre con l’obiettivo di proteggere le proprie amate piante.

Muoversi con quest’obiettivo significa, per forza di cose, porre attenzione ai parassiti che possono minacciarle. Nelle prossime righe, parliamo di uno in particolare che può rivelarsi molto pericoloso.

Se vuoi sapere qual è e come debellarlo, nelle prossime righe puoi trovare alcune dritte utili.

Ragnetto rosso, un parassito pericolosissimo per le piante

Quando si parla di parassiti pericolosi per le piante del giardino e dell’orto, un doveroso cenno deve essere dedicato al ragnetto rosso, conosciuto anche con il nome latino di Tetranychus urticae.

Si tratta per la precisione di un insetto che, con le sue punture, mette a forte rischio la salute della pianta.

Un’altra sua peculiarità – ovviamente pericolosa – è legata al fatto di soffocarle con le sue ragnatele.

Come riconoscerlo e debellarlo

Come si riconosce questo parassita? La risposta a questa domanda chiama in causa un’operazione che è tutto tranne che semplice. I motivi sono diversi: il primo riguarda le dimensioni piccolissime.

Il secondo, invece, il fatto che tende a depositarsi nella parte inferiore delle foglie.

Un’informazione utile per debellarlo riguarda le piante più colpite, ossia le Cucurbitaceae, la specie botanica delle zucche, e i legumi.

A questo punto, è naturale chiedersi come affrontarlo. Le soluzioni sono diverse. Ecco le principali:

  • Creazione di una colonia di coccinelle, insetti deliziosi e amanti di questo parassita (parliamo di preferenze alimentari)
  • Utilizzo di repellenti come l’aglio macerato – che tiene lontani i parassiti con l’odore – e l’ortica. Quest’ultima, grazie a uno dei suoi composti, ossia l’acido fornico, agisce come un vero e proprio insetticida.

Concludiamo ricordando che il ragnetto rosso, vero e proprio incubo di chiunque abbia il pollice verde, può essere debellato anche con lo zolfo.


Puglia24News.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News