L’alloro contiene nichel? La risposta che stupisce 

L’alloro è una pianta sempreverde tipica delle zone con clima mediterraneo, conosciuta sin dal tempo dei romani è ancora oggi molto usata in cucina, vediamo però se contiene nichel 

L’alloro è una pianta che contiene nichel?

L’alloro è una pianta che non contiene nichel ma potassio, rame, calcio, zinco e magnesio oltre all’acido folico e alle vitamine del gruppo B e la vitamina C. Esplica così una serie di funzioni utili al tuo organismo: digestive, antiossidanti ma anche capace di stimolare il sistema immunitario e prevenire le infiammazioni. 

È largamente usato per risolvere i problemi legati alla digestione infatti, occorre solo mettere un cucchiaino di foglie di allora in un po’ d’acqua calda e berlo. Inoltre, permette di rilassarsi e dare energia al corpo. Spesso si utilizza anche per la cura di stati influenzali per decongestionare le vie respiratorie. Perfetto anche in caso di tosse. Puoi usare anche le foglie fresche, le lasci riposare circa 5 minuti e poi filtri la bevanda. Evita di usare lo zucchero e preferisci il miele. 

L’alloro permette di ricavare anche un prezioso alleato con proprietà antibiotiche, antireumatiche da avere sempre all’occorrenza. Poche gocce servono per disinfettare l’aria oppure possono essere messe all’interno di un bruciatore. Invece di usare le foglie di alloro, potresti usare l’oleolito di bacche d’alloro che ha una funzione miorilassante e antidolorifica contro i dolori reumatici e permette di allontanare anche le zanzare. In realtà puoi prepararlo anche tu perché occorre pestare circa 40 gr di bacche fresche insieme a dell’olio d’oliva. Il tutto, deve essere fatto riposare in un luogo caldo per poi filtrare il composto. 

Come usare al meglio l’alloro in cucina 

L’uso certamente più conosciuto per l’alloro è quello di utilizzarlo per insaporire la carne soprattutto di maiale o selvaggina. Le foglie devono essere prima accuratamente lavate sotto l’acqua e poi utilizzate per la cottura. Potresti trovarlo al mercato e acquistarlo per la quantità necessaria. Considerando le varie proprietà curative elencate è davvero perfetto averne sempre un po’ in casa. Quando cucini i ceci è molto indicato per profumare una gustosa zuppa. La faraona trova perfetto abbinamento come anche un fritto di calamari con cipolla rossa. Sono ricette facili e veloci che ti permettono di creare deliziosi piatti aromatizzandoli all’alloro. 

Come accennato prima, grazie alle sue benefiche proprietà digestive, puoi preparare anche un liquore: è profumato, intenso. Devi innanzitutto scegliere solo le foglie migliori altrimenti quelle nere potrebbero poi rovinare l‘aroma. Le foglie devono riposare nell’alcol per venti giorni e poi occorre miscelare con lo sciroppo di zucchero. Conservala in un luogo fresco chiudendo bene la bottiglia. A fine pasto è davvero un digestivo insolito e molto piacevole da gustare. 

Se invece volessi preparare l’aceto all’alloro, avresti bisogno di un litro di vino bianco da scaldare in una pentola e quando prende bollore, lasciare in infusione almeno 10 foglie di alloro fresche. Puoi poi versare tutto in una bottiglia e lascia riposare al sole per almeno tre settimane. Filtra l’aceto, chiudi la bottiglia e conservala: da usare per condimenti insoliti.