Mangiare avocado acerbo: ecco cosa succede al corpo

L’avocado è un frutto calorico ed energetico, che si utilizza solitamente per preparare la gustosa salsa guacamole. Ma cosa succede se acquistiamo un frutto non ancora maturo? Mangiare avocado acerbo: ecco cosa succede al corpo.

L’avocado: proprietà

L’avocado è un frutto tropicale ricco di grassi monoinsaturi importanti per il benessere dell’organismo e, soprattutto, dell’apparato cardiocircolatorio. L’avocado aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo LDL nelle arterie, migliora la circolazione sanguigna, protegge il cuore e riduce il pericolo di ictus e infarti.

L’avocado è ricco di vitamine B, C, E e K, fondamentali per il funzionamento del sistema nervoso, per preservare la salute delle ossa e per prevenire la decalcificazione dello scheletro. L’avocado fortifica il sistema immunitario rendendolo più efficace nel contrastare gli attacchi di virus e batteri che tipicamente si verificano quando arriva il momento della stagione invernale. L’avocado contiene sostanze antiossidanti che aiutano l’organismo nella lotta contro i radicali liberi e a rallentare l’invecchiamento cellulare e quello cutaneo.

L’avocado contiene poi importanti sali minerali come il potassio e carotenoidi come la luteina e la zeaxantina, sostanze importanti per la salute della vista e per la prevenzione della degenerazione maculare della retina.

Ma cosa succede a mangiare avocado acerbo?

Mangiare avocado acerbo

Cosa capita a mangiare avocado acerbo? Ecco cosa succede al corpo: un bel niente. Potete stare tranquilli perché a mangiare avocado acerbo al massimo proverete un po’ di fastidio per il sapore non maturo del frutto, che vi stimolerà a non proseguirne l’ingestione.

Quando acquistiamo un avocado al reparto ortofrutticolo del supermercato, può capitare che questo sia ancora acerbo. Anche se mangiare avocado acerbo non causa problemi all’organismo è certamente meglio consumare un frutto maturo. Per cui, se avete acquistato frutta acerba, il consiglio è di aspettare almeno 3 giorni prima di consumarla, riponendola in un luogo asciutto a temperatura ambiente. Non bisogna infatti mai conservare l’avocado in frigo perché potrebbe ossidarsi diventando troppo molle.

L’avocado più buono è quello al culmine della sua maturazione. Solo a quel punto il frutto  avrà un gusto e una consistenza ideale appieno per il consumo.

Come mangiare l’avocado

Ora che abbiamo fatto chiarezza sul mangiare avocado acerbo e capito che è comunque consigliabile consumare frutti ben maturi, cerchiamo di capire quali siano i modi migliori per assaporare un’avocado.

In cucina l’avocado è un alimento versatile, che si presta ad ogni tipo di ricetta, sia dolce che salata. L’avocado può essere tagliato in pezzi e servito in accompagnamento a gustose insalate condite con un’irrorata di succo di limone,. L’avocado può essere usato come ingrediente per la preparazione di dolci al cucchiaio, oppure lo si può frullare con pomodori tagliati a pezzi, scorza di limone e spezie per realizzare una semplice e personale salsa guacamole, un condimento stuzzicante ideale per intingervi le irresistibili tortillas di mais

Con l’avocado frullato con il pepe si può addirittura realizzare un pesto per condire la pasta o da spalmare su fette di pane abbrustolito. L’avocado si può infine accompagnare al riso o al pesce.