Cosa succede a chi mangia una mela ossidata? Attenzione, ecco la verità

Oggi ci soffermeremo sullo studio di un fenomeno molto importante, del tutto naturale, l’ossidazione: che avviene quando tagliamo un frutto e non viene consumato nell’immediato o conservato male. Quando un frutto si ossida, prende una colorazione diversa, diventando nera. La parte scura non fa male ma l’eccesso di ossigeno aiuta la formazione di una patina batterica sulla superficie del frutto e questa ne accelera sia la decomposizione sia la frammentazione.

Perché la mela si ossida? 

“Una mela al giorno toglie il medico di torno”, ma se viene tagliata e non mangiata subito, quest’ultima subirà un processo di ossidazione. La buccia della mela è impermeabile e cerosa, e grazie a questo, riesce a proteggere la polpa della mela dall’ossigeno. Quando iniziamo tagliare la buccia, l’ossigeno contenuto nell’aria attiva una reazione chimica quando entra in contatto con le molecole, contenute nella mela, chiamati polifenoli. Ecco che inizieremo a vedere il nostro frutto iniziare a cambiare colore; non è nulla di grave, rimane comunque commestibile ma il suo sapore sarà fortemente alterato.

Come possiamo evitare che si anneriscano? 

Esistono dei metodi molto semplici per rallentare questo processo e far rimanere il nostro frutto appena sbucciato, sempre croccante una volta messa in bocca. Uno dei primi metodi è quello del limone. Il succo di limone riesce a prevenire questa reazione, poiché contiene acido citrico che è un antiossidante efficace. Si potrebbe anche utilizzare il succo di limone appena spremuto o appena comprato al supermercato: sarebbe consigliato utilizzare il limone solo se acquistiamo delle mele un po’ più particolari, poiché essendo acido il sapore del limone, renderebbe il tutto molto aspro. Un altro metodo che vi presentiamo è quello dell’utilizzo del sale: basta solo preparare una bacinella d’acqua potabile e immergervi la nostra frutta già tagliata; una volta preparato il tutto basta solo aggiungere qualche cucchiaio di sale e lasciarle a mollo per circa 3-5 minuti. Infine basta risciacquarle e il tutto è pronto. Attenzione: la mela non risulterà salata, se utilizziamo davvero un pizzico di sale, il sapore del frutto non sarà alterato. Ultimo rimedio che presentiamo è quello delle bevande gassate: quelle che contengono l’acido citrico sono utili per prevenire l’ossidazione. Anche questa volta basta immergere la frutta in una bacinella d’acqua potabile e aggiungere, a seconda della nostra preferenza, un po’ della nostra bevanda. Il tutto dipende se vogliamo o meno alterare il sapore del frutto.

Cosa succede se mangio la mela ossidata?

Se ci capita di ingerire una mela già ossidata, non c’è bisogno di andare nel panico. Non provoca danni al nostro organismo, l’unica cosa che sentiremo è un sapore abbastanza sgradevole nella nostra bocca. Nulla di grave!


Puglia24News.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News