Attenzione a mangiare marmellata: ecco cosa può accadere

La marmellata è un prodotto alimentare ottenuto dalla frutta cotta alla quale viene aggiunto acqua, zucchero, e del gelificante per dargli la giusta consistenza. Ovviamente la marmellata venduta nei supermercati può contenere anche degli additivi alimentari che ne prolungano la conservabilità, mentre quella preparata sarà molto più sana ma durerà meno tempo. Ma cosa contiene la marmellata? Cosa può accadere a chi la mangia spesso?

Differenze tra marmellate e confetture

Molto spesso il termine marmellata viene usato genericamente per indicare un alimento gelatinoso fatto con frutta cotta e zucchero, tuttavia molto simile alla marmellata è la confettura. Di conseguenza ci si chiede quale sia la differenza tra questi due alimenti, che almeno apparentemente, sembrerebbero essere la stessa cosa. In effetti, entrambe vengono preparate seguendo lo stesso procedimento, tuttavia, a fare la differenza, tra esse è la tipologia di frutta con la quale sono preparate. La marmellata, infatti, viene preparata utilizzando degli agrumi freschi, integri e al punto giusto della maturazione, in modo che siano anche più dolci, ben puliti. Per confettura, invece, ci si riferisce a quelle preparazioni che hanno alla base altri tipi di frutta come albicocche, fragole, fichi, amarene e via dicendo.

Come mangiare la marmellata

La marmellata, così come la confettura, oltre ad essere consumata durante la colazione, magari spalmata su delle fette biscottate, è anche molto utilizzata per la creazione di diversi dolci come le crostate, ma può anche essere abbinata a dei formaggi dutante una degustazione di vini o ancora, può essere mangiata insieme a dello yogurt. Oggi la preparazione di marmellate può essere un’ottima soluzione agli sprechi di cibo. Per esempio se ci ritroviamo nel frigo della frutta troppo matura per essere mangiata, al posto di buttarla potremmo farci delle gustosissime marmellate.

Attenzione a mangiare marmellata: ecco cosa può accadere

Le marmellate confezionate acquistate nei supermercati, molto spesso, hanno livelli altissimi di zuccheri. Già nella frutta sono presenti degli zuccheri naturali: il fruttosio e il glucosio, di conseguenza aggiungere altri zuccheri sotto forma di saccarosio non è una scelta sana. Inoltre, nelle marmellate confezionate sono aggiunti anche ulteriori ingredienti come ad esempio additivi e coloranti, anche se non sempre e non per tutte le tipologie, a lungo andare tutti questi zuccheri potrebbero non solo farci ingrassare, ma anche determinare delle patologie vere e proprie. Lo scopo dell’articolo non è quello di allarmare le persone e convincerle a eliminare del tutto la marmellata dalla propria alimentazione, ma, è solo quello di sensibilizzare le persone ad acquistare dei prodotti più naturali possibile, ad esempio scegliere delle marmellate biologiche, fatte con 100% frutta, in questo modo il quantitativo di zuccheri sarà minore e di conseguenza non determinerà particolari danni al nostro organismo, oltre che a non farci ingrassare. Oppure se si ha tempo, la soluzione migliore sarebbe quella di fare la marmellata in casa, ovviamente in questo caso bisogna fare molta attenzione, perché la si potrà conservare per un periodo di tempo decisamente inferiore, e bisognerà seguire bene tutti i passaggi affinché non si vada incontro al botulismo.