Piante rigogliose e splendenti: questo trucco funziona sempre

A chi ama decorare gli spazi in cui vive con le piante, piace vederle sempre in ottima salute. Più rigogliose sono, meglio è, visto che il giardinaggio è una passione che gratifica e rilassa. Ogni specie ha bisogno di determinati tipi di cure, che possono variare a seconda della zona di origine. Ma come fare se si è alle prime armi e non si conoscono molti tipi di piante?Innanzitutto, prestate attenzione ai consigli che vi stiamo per dare e non perdetevi il nostro trucco, infallibile per avere piante splendenti di salute.

Prendersi cura delle piante

L’aspetto più importante da tenere in considerazione è la posizione della pianta di cui avete scelto di prendervi cura. Sì, anche nel caso in cui vi sia stata regalata da qualcuno che non sa nulla del vostro pollice nero. Stiamo pur sempre parlando di un essere vivente, e potreste perfino scoprire che, in fondo, non vi dispiace del tutto. Quindi armatevi di un attimo di pazienza e cercate informazioni, controllando se nel vaso ci sono indicazioni sulla specie. Avete trovato solo il nome? Niente paura, per fortuna esistono i motori di ricerca, su cui trovare blog, siti web e forum di giardinaggio.

Scoprite se la nuova arrivata ama il sole diretto o preferisce la penombra. È una pianta stagionale? Non incolpatevi se il suo ciclo vitale finirà, a meno che non avvenga prima del previsto. Ma se avete a che fare con una pianta perenne, prestate maggiore attenzione a luminosità, temperatura e umidità. Questi tre fattori possono influenzarsi a vicenda. Basta pensare alle condizioni di un balcone esposto a sud, dove il sole diretto e il vento possono seccare il terriccio. Cosa che avviene più difficilmente in bagno, dove troviamo un clima generalmente umido e spesso caldo.

Il trucco che nessuno vi ha mai detto

A prescindere dalle caratteristiche di ogni pianta, c’è un meccanismo che vale praticamente per tutte. Si tratta della capacità di nutrirsi attraverso le radici, che le ancorano al terreno. Questo processo avviene grazie all’assorbimento dei nutrienti che si trovano nel terriccio, oltre che dell’acqua, che è fondamentale. Cosa succede, esattamente, quando la pianta  assorbe i liquidi che ha a disposizione? Che la terra si secca, ovviamente. Non è soltanto questione di evaporazione, ed è per questo che è importantissimo capire quando le piante hanno bisogno di essere annaffiate.

Al di là di cactus e succulente, abituati ai terreni più aridi, per mantenere in salute una pianta di cui non conosciamo il bisogno idrico basta un dito. Esatto, proprio il dito della vostra mano, magari l’indice, o il mignolo se il vaso è piccolo. Se provate a infilarlo nella terra, potreste arrivare a sentire l’umidità ancora presente negli strati più bassi, anche se la superficie vi sembra secca. Per la prova del nove bisogna tirare fuori il dito e osservare gli eventuali depositi. Se vi restano attaccate briciole scure di terriccio, potete stare tranquilli. Altrimenti, se il dito rimane asciutto, vuol dire che è arrivato il momento di dissetare le radici.


Puglia24News.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News