Bere latte scaduto: pazzesco, ecco cosa può accadere

Il latte è un alimento eccellente, sano e nutriente. Riconosciamo che è salutare perché contiene molti nutrienti, come il calcio, che fa bene alla salute delle ossa. Il fatto di nutrirsi di latte risale all’inizio del mondo. Anche oggi bere un po’ di latte è ancora una sana abitudine, soprattutto con la colazione al mattino per iniziare la giornata pieni di energia. Tuttavia, la data di scadenza di un prodotto deve essere sempre verificata e ti spieghiamo perché è importante non berlo quando è scaduto.

Processo del latte

Il latte, facilmente reperibile nei supermercati, viene prima pastorizzato, il che aiuta a garantire qualità e purezza. Tuttavia, il latte varia in base al tipo e alla pastorizzazione, e quindi alla durata di conservazione del prodotto. Infine, sulla confezione verrà visualizzata la data di scadenza.

La conservazione del latte

Esistono due tipi di conservazione, a breve o a lungo termine: nel primo caso il latte viene pastorizzato, nel secondo viene utilizzato il processo di UHT, ovvero il prodotto viene sterilizzato utilizzando batteri a temperature molto elevate.
Il latte a breve conservazione deve essere conservato in frigorifero fino alla data di scadenza. A

bbiamo diverse tipologie: latte fresco pastorizzato, latte fresco pastorizzato premium, latte pastorizzato ad alta temperatura e latte pastorizzato microfiltrato. I primi due durano 7 giorni in frigorifero, il secondo dura 15 giorni e 11 giorni dura quello microfiltrato.

Il latte a lunga conservazione è UHT o sterilizzato. La durata più lunga è il primo caso, che può durare fino a 90 giorni fuori dal frigorifero, mentre il latte sterilizzato può durare fino a 6 mesi fuori dal frigorifero. Dopo aver aperto la confezione, va conservata in frigorifero e consumata il prima possibile.

Posso bere latte scaduto?

Bere latte a breve conservazione  può essere pericoloso per ovvi motivi, in quanto deve essere consumato il prima possibile ed è importante conservarlo in frigorifero. Ma bisogna fare attenzione anche a quello a lungo conservazione, in quanto va conservato in frigorifero e consumato il prima possibile. Il latte scaduto infatti inizia ad inacidire e può essere buttato via, in quanto se lo si beve si rischia un’intossicazione intestinale con sintomi come: vomito, nausea, dolori addominali, diarrea e febbre.

Per fortunata, è davvero difficile bere il latte scaduto senza accorgersene, a causa dell’odore sgradevole e della formazione di grumi visibili, molto simili alla ricotta fresca.

Quale latte scegliere?

È anche importante fare ricerche approfondite sul latte da acquistare e poi scegliere per la tua giornata. Ci sono così tante opzioni nel supermercato che devi concentrarti sugli usi che devi farne.